Gioco di carte: “Piccoli Psicopatici”

CARTE DA GIOCO — PICCOLI PSICOPATICI

Qual è l’obbiettivo del gioco?
L’obiettivo del gioco è creare la peggior situazione possibile per una determinata malattia. Si possono usare tutte le carte che si avranno in mano, ma anche una sola. L’importante è che riusciate a spiegare il loro legame e quindi a dargli un senso – per quanto assurdo possa sembrare in alcuni casi.

Come si gioca?
La prima cosa da fare è decidere il punteggio massimo che un giocatore deve raggiungere per aggiudicarsi la vittoria, infatti senza quello si potrebbe continuare all’infinito. Dopodiché ognuno pesca una carta a caso tra quelle rosa in modo da avere una sindrome particolare in mano e se ne pescano altre sei, ma dal mazzo verde.
A questo punto un giocatore, per due turni, dovrà mostrare la sua carta “malata” e alla fine di ogni turno valutare gli altri che hanno messo in campo le loro carte verdi dando un punto alla peggior situazione possibile. Alla fine dei due turni, si scarta quella appena usata per la malattia. Quando nessuno ha più carte rosa in mano, se ne pescano altre e si va avanti in questo modo finché il vincitore non raggiunge il punteggio sperato.

Come sono strutturate le carte?
Ci sono due mazzi: uno rosa e un altro verde. Nel primo c’è la spiegazione delle malattie da mettere in gioco, mentre nel secondo potete trovare delle parole che vi permetteranno di creare situazioni più o meno complesse per poter vincere. Quest’ultimo è suddiviso in cinque categorie: animali e vegetazioni, persone, oggetti, luoghi ed eventi.

E se le carte finiscono prima di trovare un vincitore?
Potete aggiungerne altre, infatti in alcune carte non c’è scritto niente. La cosa bella è che potete ampliare e modificare il gioco quanto volete.

Buuhh! Sei una brutta persona! Come osi prendere in giro chi è malato?
Fate un respiro profondo e calmatevi. Mentre realizzavo il gioco non ho mai pensato, nemmeno per un istante, a creare qualcosa che potesse offendere in qualche modo le persone affette da malattie più o meno gravi. La maggior parte delle volte è divertendosi, senza prendere in giro nessuno, che ci si ferma un attimo a riflettere su determinati argomenti. Se così non fosse, i comici sarebbero tutte delle brutte persone e verrebbero proibiti i film che fanno ridere.

Il gioco mi intriga. Le carte sono in vendita da qualche parte?
Purtroppo no. Essendo un progetto per un esame dell’università ho alcune restrizioni a riguardo, ma magari un giorno lontano chissà…

Crediti.
Grafica realizzata parzialmente da Liasis. Grazie per l’aiuto!

Annunci